Da rifugiato a campione d’Europa: Lovren, il duro che ha stregato la Lazio

Dejan Lovren, 30 anni. Getty

Da bambino scappò in Germania a causa della guerra, oggi ha più di 500 partite tra i pro. Ecco l’obiettivo numero uno di Tare per la difesa biancoceleste

I compagni di classe gli ridevano dietro perché non parlava croato: “Stringevo i pugni, stavo malissimo”. Perché Dejan Lovren, a 7 anni, conosceva meglio il tedesco. Colpa della guerra: “Cambiò tutto in un giorno”. Il flashback lo riporta a Zenica, primi anni 90, una notte di sirene al posto delle stelle: “Erano allarmi, stavano per arrivare le bombe”. E se chiude gli occhi rivede un dialogo con sua madre: “Disse che saremmo andati a Monaco di Baviera”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *