Raiola avverte il Milan: “Sì, Donnarumma può partire”

Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan e della Nazionale italiana.

L’agente: “Rinnovo? Non impossibile, dipende dalle ambizioni del club. Se la società può fare certe cose resta, altrimenti meglio andare”

Le ultime proiezioni si sono materializzate nella notte post Milan-Juve e hanno confermato quello che si intuiva da qualche tempo: si può pensare al domani con un destino teoricamente in bilico ma forse molto più a fuoco di quanto non raccontino clausole e accordi depositati in Lega, oppure guardare al futuro con occhio incerto nonostante un legame affettivamente indissolubile e tecnicamente solido ancora per un anno e mezzo.
Di sicuro ci sarà da stare all’erta fino al fischio finale, perché la doppia partita Ibra-Donnarumma è aperta e può riservare sorprese fino alla fine. Gli attori sono noti: il Milan da una parte, i due senatori sui generis – in mezzo scorrono diciotto anni di differenza – dall’altra con Mino Raiola, agente di entrambi pronto a entrare in azione. La chiacchierata del manager davanti a taccuini e telecamere nella pancia di San Siro dell’altra notte è stato il primo squillo ed è servita soprattutto ad accendere i fari su quello che diventerà inevitabilmente il campo centrale di qui a fine stagione, e non sarà quello di Zlatan. Perché Ibra, dice Raiola, si diverte ed è felice. “Adesso è in prova, vediamo. Io gli consiglio di andare avanti se si diverte e fermarsi se non si diverte più. C’è un mezzo progetto, alla fine della stagione deciderà”. Quel progetto per ora solo abbozzato potrebbe condurre in futuro Ibra dal campo alla scrivania, sempre in rossonero: l’eventualità era già chiara a Zlatan e al Milan al momento della firma.
Acquisto maglie a poco prezzo online,maglia Milan replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *