Inter, in un anno da Cedric a Eriksen: due inverni, una svolta

Eriksen e il selfie con i tifosi. Epa

Il portoghese da 9 presenze l’unico arrivo, in prestito, della scorsa sessione invernale. Dodici mesi dopo sono cambiati gli orizzonti

L’accordo per Christian Eriksen è arrivato venerdì scorso. Era il 24 gennaio 2020: esattamente un anno prima, il 24 gennaio 2019, l’Inter chiudeva il suo primo e unico acquisto del mercato invernale 2018-19, Cedric Soares. Il laterale portoghese arrivava in prestito per 500 mila euro, avrebbe chiuso la stagione con 9 presenze, 0 gol e 526 minuti giocati. Acquisto “ecologico”, ad impatto quasi zero, unica operazione di una sessione in cui pure le cose da aggiustare non sarebbero mancate, perché già all’interno si conoscevano i problemi di uno spogliatoio sull’orlo dell’esplosione.

NUOVO PROSPETTIVE—  Allora il club, che aveva appena chiuso il “contenzioso” con l’Uefa per il Fair Play Finanziario, ma che doveva comunque rientrare di 40 milioni entro giugno, preferì rimandare all’estate il rinnovamento che aveva già in mente. Anche così, però, il salto da Cedric a Eriksen è enorme, ardito. E spiegabile solo con il cambio “di passo” dell’estate. La sofferta vittoria con l’Empoli all’ultima giornata ha messo le basi necessarie (la conferma della Champions), poi la svolta impressa da Marotta e avallata dalla proprietà cinese ha fatto il resto. In primis l’investimento pesante per Antonio Conte, che confermava la voglia di accorciare i tempi di risalita, poi la campagna acquisti estiva. L’arrivo di una “stella internazionale” come Lukaku, una potenza non solo in campo ma anche a livello di marketing e visibilità, ha aperto la via. Il suo inserimento perfetto e la reciproca soddisfazione ha fatto sì che l’Inter si potesse porre come interlocutore credibile per altri big europei. Eriksen, quindi, ma anche Vidal che sarebbe stato pronto a lasciare in corsa il Barcellona. In un anno l’Inter ha cambiato orizzonti: ora si tratta di mantenerli aperti, con i risultati e con le prossime mosse.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *